Racconti del giovedì. Prima puntata.

Oggi e per i prossimi giovedì voglio “ospitare” sul mio blog una serie di racconti di un caro amico, Giuseppe Malandrino.

Brevi storie da gustare una dietro l’altra, come caramelle.

Buona lettura!

 

ALLA FERMATA DELL’AUTOBUS

Credo d’essermi perso. Il cartello seriale recita via Sansovino. Non basta. “Scusi, per il centro? Sa dov’è la fermata dell’autobus?”. È vecchio e non vede l’ora. “Eh, l’ho vista prima, sa, che attraversava…”. “Si; quindi?”. “È proprio lì, dall’altra parte dell’incrocio!”. Alla fine mi inteneriscono sempre. “Ah ecco! Grazie mille”.

Benché le mie cuffie abbiano deciso di lavorare part-time ormai da un po’ riesco comunque a godermi la compagnia degli Alt-J. Si avvicina una signora. Non riesco a distogliere lo sguardo dalla montatura dei suoi occhiali. Un pezzo unico credo, barocco, dorato e intarsiato, montato su una signora banale, chiatta, insaccata in una di quelle giacche acetate con le cuciture a rombi color bordò e i mocassini di pelle nera (una volta!) che hanno da lungo tempo perso la loro battaglia contro i rispettivi alluci valghi.

“Salve giovanotto! E’ interessato alla parola di Nostro Signore? Le posso lasciare questo libricino?”

“La ringrazio signora; non mi interessa”.

“Lei non legge abbastanza!”.

“Signora io leggo, ma quello che dico io!”.

“Non le sembra che sta andando tutto a scatafascio? Il Libro dell’Apocalisse questo l’aveva previsto!”.

“Se è per questo anche mio nonno…”.

“Se lei volesse dare un’occhiata, qui è spiegato tutto…”.

“Signora, sono parole scritte da uomini per altri uomini; provi ad usare un po’ di senso critico…”.

Mi guardavo da fuori e mi chiedevo se davvero quella fosse la mossa migliore: usare la logica con una fanatica religiosa. Certamente no, ma non ho avuto il tempo di rimpiangere la mia scelta. Evidentemente toccata sul vivo, viene in mio soccorso una signora: “Ma che cazzo vuole! Già di problemi ne abbiamo tanti e lei ci si mette con ‘ste boiate! Non ce n’è già abbastanza di pensieri? Io lavoro, faccio la spesa, torno a casa, cucino, ho due figli, un cane, un gatto e un marito! Ci manca lei!”.

Rido.

“Perché ride?”

“Così.. è che il cane viene prima del marito..”

alla fermata dell'autobus

L’autore

Giuseppe Malandrino, classe 1984, altoatesino di nascita, sangue siciliano, il cuore a Torino e la residenza a Milano.

Nella vita si è laureato in psicologia, lavora nelle risorse umane e corre, corre tanto.

Scrive racconti di vita quotidiana. I protagonisti delle sue storie potrebbero essere i tuoi vicini di casa, i tuoi colleghi. Tu stesso.

 

Per info: malagiuseppe@hotmail.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...