Racconti del giovedì. Seconda puntata.

Secondo appuntamento con i racconti “prestati” da Giuseppe Malandrino.

Buona lettura!

L’INCONTRO PER LA TESI

“Mi piace. Va molto bene. Partire da Winnicott parlando di gioco d’azzardo è inusuale ma è un autore che io adoro. Lei scriva sereno e mi mandi tutto che poi ci vediamo al suo rientro dopo le vacanze”.

Bene. Saluto la correlatrice e, fiero del mio lavoro, esco dal palazzo. Diluvia ed io sono in bici. Torino.

Dovrei fare in tempo per l’inaugurazione di Cirins.

Lo chiamo. Niente.

Chiamo Marti. Mi spiega la strada.

Chiamo Ali. La ragguaglio sull’incontro.

Chiamo, e sono sotto l’acqua. Tengo la bici, il telefono, gli auricolari, i fogli della tesi. Mi sto innervosendo. Mentre parlo al telefono, qualche metro più avanti si apre un portone. Escono tre mamme con altrettanti bambini, un maschietto e due femminucce. Le mamme hanno più o meno la mia stessa espressione. I bimbi no. Hanno gli stivaletti di plastica, le mantelline e l’espressione di chi è appena arrivato al parco acquatico. La più piccola, di colpo, fa un balzo e, a piè pari, atterra nella pozzanghera davanti a lei schizzando la madre. Sono incuriosito dalla prossima reazione di lei. Come da copione, si arrabbia e cerca di afferrare la figlia per un braccio. Non fa in tempo però.

In quel momento, gli altri due bambini si lanciano una rapida occhiata e, complici, saltano anche loro nella pozzanghera. La situazione sfugge di controllo alle madri che, persa ogni speranza di mantenersi immacolate, scoppiano in una risata liberatoria.

Rido anch’io. Mi godo una ritrovata atmosfera familiare.

Mi ritornano in mente le parole di Winnicott, l’inizio della mia tesi: “E’ nel giocare che l’individuo, bambino o adulto, è in grado di essere creativo e di fare uso dell’intera personalità, è solo nell’essere creativo che l’individuo scopre il Sé”.

Anch’io adoro Winnicott.

bambino acqua

Giuseppe Malandrino, classe 1984, altoatesino di nascita, sangue siciliano, il cuore a Torino e la residenza a Milano.

Nella vita si è laureato in psicologia, lavora nelle risorse umane e corre, corre tanto.

Scrive racconti di vita quotidiana. I protagonisti delle sue storie potrebbero essere i tuoi vicini di casa, i tuoi colleghi. Tu stesso.

 

Per info: malagiuseppe@hotmail.it

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...