Storie metropolitane

SENZA NOME

Fasciata nel suo cappottino nuovo color fumo di Londra, le mani mollemente appoggiate al volante, gesti e manovre ripetute ogni giorno, andata e ritorno. Il pensiero rivolto soprattutto al ritorno, ma prima sarebbero dovute passare ancora otto ore di lavoro.

Pensava al frigorifero vuoto e alla spesa da fare appena uscita dall’ufficio.

Il caffè, non devo dimenticare il caffè.

Dopo se lo sarebbe segnato in una nota sul cellulare.

Pensava al suo gatto. Doveva chiamare il veterinario, altri soldi.

Dentro all’abitacolo, la musica come sottofondo ai suoi pensieri, canzoni che aveva già sentito mille volte. Fuori dalla macchina, il solito grigiore asmatico della città che si risvegliava in un mattino feriale di inizio novembre.

Quanto manca ancora al prossimo ponte?

Il caldo artificiale del riscaldamento dell’auto si mischiava alle note di agrumi del suo profumo sparso in abbondanza sui vestiti e sui capelli, pronto a fare il suo dovere e a resistere alla battaglia di una lunga giornata di lavoro. Un rapido controllo al trucco, giusto in tempo per accorgersi di aver mal sfumato l’ombretto color tortora.

Pensava che appena arrivata in ufficio sarebbe dovuta andare in bagno a darsi una sistemata.

Il cellulare che reclamava una notifica.

Chi sarà ancora? Dopo guardo.

Pensava alla risposta che avrebbe dovuto a quella stronza dell’amministrazione.

Pensava che doveva chiamare il parrucchiere per prendere appuntamento, i capelli ormai non stavano più.

Pensava che avrebbe dovuto richiamare sua madre.

Doveva andare a trovare suo fratello. Da quanto tempo non vedeva i suoi nipoti?

Forse posso andarci questo fine settimana.

Pensava.

E non si accorse del semaforo rosso.

semaforo rosso.jpg

Annunci

Racconti del giovedì. Quinta puntata.

Dopo qualche settimana di assenza, tornano i racconti brevi del giovedì.

Buona lettura!!

AL SUPERMERCATO

A&O? Yess! Mi vesto…

Si rinnova quello che ormai è un piacevole rito giornaliero, la spesa con Andrea al supermercato dietro casa. Ormai siamo degli habitué e ci concediamo spesso due battute con le commesse. Una di queste, ricordandosi della mia operazione e collegando che sono tre mesi che non mi vede, mi chiede come stessi e come procedesse la riabilitazione.

Che cara, penso. Non faccio in tempo a risponderle però. C’è infatti, al banco dei freschi, un ragazzo nuovo: “Ti sei operato? Cos’hai fatto? Menisco?”

“Eh, in realtà 2 crociati e poi sì, anche la sutura del menisco”.

“Minchia, servizio completo!”.

“Eh già…”.

“Pensa, anche mio padre si è operato; non ha più niente là sotto! Ha tolto tutto! 25 giorni ed era già sui campi! Te l’ho detto, no? Lo sai chi è, no?”

No. Non abbiamo mai parlato di suo padre e non ho neanche la più pallida idea di chi sia.

Andrea mi guarda. Capisce che non ce la fa e si allontana. Io insisto.

“25 giorni mi sembra pochino. I tempi standard sono di 6 mesi. Salvo complicazioni”.

Capisce che non ce la beviamo. Rincara la dose.

“No vabbè, ma lui è un pazzo!! 41 gol ha fatto quell’anno! Te l’ho detto, no?”.

Lui arrossisce, io mi intenerisco. Assodato che il recupero fisioterapico non è accelerato dall’instabilità mentale così come il mio dialogo col salumiere non è facilitato dallo sguardo di Andrea, opto per capire il perché del suo bisogno di raccontarmi tutto questo. Ci arrivo.

Tutti hanno bisogno di miti, di riferimenti. Ci aggrappiamo costantemente a rockstar, calciatori, divi del cinema. E allora perché non al proprio padre? E poi chi l’ha detto che non fosse vero che in 25 giorni suo padre era di nuovo sui campi da gioco? Magari ha ragione Andrea: “hai frainteso Beppe, suo padre fa il custode”.

supermercato.jpg

L’autore

Giuseppe Malandrino, classe 1984, altoatesino di nascita, sangue siciliano, il cuore a Torino e la residenza a Milano.

Nella vita si è laureato in psicologia, lavora nelle risorse umane e corre, corre tanto.

Scrive racconti di vita quotidiana. I protagonisti delle sue storie potrebbero essere vicini di casa, i tuoi colleghi. Tu stesso.

Per info: malagiuseppe@hotmail.it

 

Trovate i racconti già pubblicati a questi link:

https://righediarte.com/2017/04/20/racconti-del-giovedi-terza-puntata/

https://righediarte.com/?s=seconda+puntata

https://righediarte.com/?s=prima+puntata

https://righediarte.com/2017/04/27/racconti-del-giovedi-quarta-puntata/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Racconti del giovedì. Quarta puntata.

Quarto appuntamento con i racconti brevi del giovedì.

Se vi siete persi le puntate precedenti (sia mai!!), le trovate qui:

https://righediarte.com/2017/04/20/racconti-del-giovedi-terza-puntata/

https://righediarte.com/?s=seconda+puntata

https://righediarte.com/?s=prima+puntata

Buona lettura!

 

LA PISCINA

Trentotto…

Trentanove…

Quaranta.

Oggi ho fatto più fatica del solito. Esco dall’acqua, cuffia e occhialini in una mano, lo zaino nell’altra, direzione doccia. Circumnavigo la piscina, salgo le scale. Scelgo la mia doccia. Non c’è nessuno ed io mi lascio massaggiare dal getto caldo e deciso.

Arriva qualcuno. E’ un signore sui trentacinque. Non mi nota. Appoggia l’accappatoio sulla panchina e, rialzando lo sguardo, viene sorpreso dallo specchio soprastante. Decide che il profilo è la scelta più indicata; un bel respiro di pancia, narici allargate, mento in fuori e si assesta due colpetti a mani aperte sulla pancia.

Esattamente in quel momento si accorge di non esser solo. Si imbarazza. D’istinto contraggo la bocca in una smorfia che vuol essere un sorriso rassicurante. Riesco nell’impresa. “Devo calare qualche chilo… A prenderli ci va niente, ma a perderli! Dovrei limitare il pane, la pasta, ma mia moglie cucina… E poi, come fai a non mangiare!? Tu sei giovane e sei in forma, ma ti assicuro che dopo i trenta il metabolismo non è più lo stesso…”

Io sarò “giovane” ma ho ventinove anni. Gli dico che anch’io sono a dieta, che sono fermo per un ginocchio malandato e che presto mi opererò. Gli risparmio che non tocco un piatto di pasta da mesi.

Col sorriso sulle labbra mi vesto e lo saluto.

Fuori fa un freddo cane ed io sono in bici. Arrivo presto a casa. Mi tolgo giacca e scarpe, svuoto lo zaino e inizio a preparare il pranzo. Decido nel frattempo di mettermi comodo.

Vado in stanza e, mentre mi cambio, l’occhio cade sullo specchio.

Mi guardo bene intorno. Niente.

Fuori dalla finestra. Niente.

Gonfio le narici, tiro fuori il mento e con una faccia tra l’insoddisfatto e il rassegnato, mi assesto, decisi, due colpetti sulla pancia.

la piscina.jpg

L’autore

Giuseppe Malandrino, classe 1984, altoatesino di nascita, sangue siciliano, il cuore a Torino e la residenza a Milano.

Nella vita si è laureato in psicologia, lavora nelle risorse umane e corre, corre tanto.

Scrive racconti di vita quotidiana. I protagonisti delle sue storie potrebbero essere vicini di casa, i tuoi colleghi. Tu stesso.

Per info: malagiuseppe@hotmail.it

Racconti del giovedì. Terza Puntata.

Dopo la pausa per feste di Pasqua, torna il terzo incontro con le storie del giovedì scritte da Giuseppe Malandrino.

Preparatevi a scendere dal piedistallo…

 

Buona lettura!

FESTA SCUDETTO

Sono in casa da giorni. Devo dare una scossa alla mia apatia. Dai. Mi faccio una bella doccia calda, mi riempio di borotalco che neanche Luigi XV, brillantina stile mio nonno nei capelli, Paul Smith leggero intorno al collo come unica nota di colore e poi mi riempio di nero che sfina, è elegante, sta bene con tutto e tutto il resto.

Sento Andre; fra un paio d’ore è in piazza. Cosa faccio un paio d’ore vestito come un damerino in casa? Vada per il giro sotto i portici.

Piove. Ho una porta-finestra a 4 ante ma la mia furbizia evidentemente ne ha a malapena una. Avessi guardato prima. Comunque; ho l’ombrello, no? E poi è solo fino ai portici…

Appena li raggiungo capisco che oltre che alla finestra avrei dovuto prestare attenzione anche alla televisione. La Juve ha deciso di vincere lo scudetto proprio oggi riversando orde di tifosi in tutto il centro. Io, per vincere qualcosa a mia volta, provo con il record di imprecazioni trattenute in un minuto.

Decido comunque di arrivare in piazza Castello dedicandomi ad uno dei miei hobby preferiti: commento critico-estetico del passante. I passanti sono perlopiù i reduci dello stadio con birre in una mano e bandiere nell’altra. “Stai calmo e passala a Pirlo” è la maglietta che va per la maggiore. Io sto anche calmo, ma qui di pirli ne passano parecchi; jeans con cuciture improbabili che si afflosciano abbondanti su sgargianti scarpe da ginnastica, portati in giro da camminate strascicate e piedi accoglienti, aperti come le braccia di una madre quando torna il figlio in congedo. Sciarpe e magliette bianconere; anche loro sono dei vincenti. Puzza di birra e kebab. Cori. Ignoranza.

Mi viene quasi da ridere vedendomi da fuori.

Torno indietro e mi fermo sotto un portichetto di piazza Vittorio. Ho fame. Tiro fuori la mela.

Dopo 2 morsi mi passa davanti una coppia di vecchietti. In un attimo bam! Lei scivola, ma dal tonfo sembra cadere dal terzo piano, e non contenta, si tira giù anche il compagno. Vado a soccorrerli. Porgo il braccio a lei, a lui ci pensa qualcun altro. “Signora si sente bene?”. Niente. “Vuole sedersi un attimo?”. Niente. E’ sotto shock. Appena si alza l’uomo lo prende sotto braccio e se ne va, senza dire una parola.

Anni di psicologia mi hanno insegnato a rimandare una gratificazione. Sorrido nel vederla andare via, capendo che al momento ha pensieri più impellenti che quello di ringraziarmi.

Li guardo allontanarsi, poi ritorno alla mia mela. No. Si è sporcata di terra. La butto. Vabbè. Però… sento puzza… Ma si, è puzza di merda! Che ne abbia pestata una? Sinistra no. Destra no. Eppure… Noooo! Cremosa e fumante ce l’ho spalmata sul braccio! Capisco al volo l’iter: merda per terra – vecchietta per terra – vecchietta su braccio – merda su braccio.

Torno a casa. “Ma tu guarda ad aiutare i vecchi!”. La verità è che c’è voluta la saggezza di un’anziana per rimettermi al mio posto.

torino.jpg

L’autore

Giuseppe Malandrino, classe 1984, altoatesino di nascita, sangue siciliano, il cuore a Torino e la residenza a Milano.

Nella vita si è laureato in psicologia, lavora nelle risorse umane e corre, corre tanto.

Scrive racconti di vita quotidiana. I protagonisti delle sue storie potrebbero essere i tuoi vicini di casa, i tuoi colleghi. Tu stesso.

 

Per info: malagiuseppe@hotmail.it